UTILIZZO DEI COOKIES

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies.

Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

Questo sito non fa uso di cookies per scopi pubblicitari o di profilazione dell'utenza, bensì utilizza soltanto cookies di tipo tecnico.

I cookie tecnici sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell'Utente. In particolare:

  • misurano l'utilizzo dei servizi da parte degli Utenti, per ottimizzare l'esperienza di navigazione e i servizi stessi;
  • sono necessari per il corretto funzionamento di alcune aree del sito;
  • comprendono sia cookie persistenti che cookie di sessione.

In assenza di tali cookie, il sito o alcune porzioni di esso potrebbero non funzionare correttamente. Pertanto, vengono sempre utilizzati, indipendentemente dalle preferenze dall'utente. I cookie tecnici vengono sempre inviati dal dominio.

Il Titolare non è tenuto a richiedere il consenso dell'utente per i cookie tecnici, poiché questi sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Argomento:     

19.05.2012 - Trattamento alternativo della rettocolite ulcerosa tramite agopuntura e fitoterapia

L'enorme quantità di stressors da cui siamo bombardati quotidianamente (alimentazione tossica, virus, farmaci di sintesi, campi elettromagnetici, inquinamento ambientale, ecc.) sono all'origine del preoccupante aumento della patologia nota come rettocolite ulcerosa, ovvero, dell'infiammazione cronica della mucosa del retto e/o del colon, le cui manifestazioni possono peggiorare pesantemente la qualità della vita del paziente.

L'agopuntura, agendo sull'unità psiche-soma dell'individuo, fornisce un valido aiuto nell'attenuazione della sintomatologia e nel miglioramento del terreno.

Nel dicembre 1992, osservo il caso di un paziente di 36 anni (100 Kg. di peso per un'altezza di 190 cm.) in fase acuta di rettocolite ulcerosa, già diagnosticata in ospedale ed in terapia con farmaco specifico che però non aiuta al miglioramento dei sintomi.

ImmagineIl paziente appartiene alla struttura energetica Tae-Yin che, secondo la legge dei 5 movimenti della Medicina Tradizionale Cinese, governa il polmone ed il grosso intestino e presenta una colonpatia di tipo Yang (da eccesso di energia). Le sue caratteristiche energetiche lo rendono particolarmente suscettibile allo stress.

Eseguo il trattamento sui seguenti punti di agopuntura: 6-7 MC, 3 C, 3 F, 60 V, tutti bilaterali in dispersione, inoltre, 3 R bilaterale collegati a 17 VC unico, elettricamente in stimolazione a 32 Hz. Questa terapia determina un effetto sedativo su Tsiue-Yin che, secondo la legge dei 5 movimenti, governa il cuore.

A sedute alterne, viene effettuato anche un trattamento per l'ansia da soggetto Tae-Yin, lavorando sui punti: 2-5-7 P, 36 ST, 34-38 VB, 59-60-63 V (tutti bilaterali) e 9 VG unico.

Successivamente, viene trattata anche la colonpatia tramite la dispersione dello Yang-Ming che, secondo la legge dei 5 movimenti, governa il colon: 25-36-43 ST (bilaterali), poi, viene regolarizzata la bilancia all'Est trattando il punto 3 F, in lieve tonificazione manuale e 34-38-43 VB in dispersione; al termine viene disperso il Tae-Yin al centro usando i punti: 12 VC unico e 2-5-7 P bilaterali.

Tutto il lavoro di agopuntura sopra descritto, viene accompagnato da un trattamento fitoterapico con: fiori d'arancio, avena sativa, ficus carica, vite del Monte Ida, carbone vegetale e ginseng.

In 5 sedute della durata di un'ora cada una, ho potuto apprezzare un significativo miglioramento del quadro generale: la sintomatologia specifica della rettocolite ulcerosa risulta fortemente ridotta ed il tono dell'umore è significativamente migliorato. Il paziente, dopo il trattamento ha sospeso di propria iniziativa l'assunzione del farmaco specifico (mesalazina) per l'infiammazione intestinale.

L'esperienza terapeutica appena descritta fornisce un modello frequente, e quasi sempre sottostimato dalla medicina ufficiale, della stretta interdipendenza tra la psiche ed il soma.

Dott. Vincenzo Matera

Abstract dell'articolo pubblicato sul Giornale Italiano di Riflessoterapia, Agopuntura e Auricoloterapia n. 2 anno 5°. Edizioni Libreria Cortina di Torino, ISSN 1120 - 3560. Dicembre 1993.